Dichiarazione sui minerali dei conflitti

Il commercio sostenibile guida le nostre decisioni aziendali.  I nostri valori rappresentano il quadro etico-giuridico entro il quale operiamo  e vogliamo permanere per crescere con successo. Riconosciamo il rispetto delle leggi vigenti e delle nostre linee guida quale fondamento della nostra integrità ed elemento essenziale del nostro business.

La Blohm Jung GmbH non è quotata alla borsa americana; pertanto non è tenuta per legge a soddisfare i requisiti della U.S. Securities and Exchange Commission, pubblicati nell'agosto 2012, e a presentare il rapporto sui minerali dei conflitti. Cionondimeno continuiamo a rispettare l'obbligo di diligenza nella catena di fornitura. Infatti, come molte altre aziende, siamo anche noi  consapevoli del problema dei minerali provenienti da regioni in conflitto, eventualmente contenuti nei prodotti e nei componenti che acquistiamo dai fornitori.

A livello aziendale abbiamo adottato nella nostra catena di fornitura un unico processo per determinare l'utilizzo, le fonti e l'origine dei minerali dei conflitti. La stretta collaborazione con i nostri fornitori diretti ci aiuta ad attuare queste azioni. Ove necessario, collaboriamo con i fornitori per ridurre al minimo i rischi e ci assicuriamo inoltre di agire in modo responsabile negli acquisti, basandoci su processi di gestione collaudati e consolidati.

La Blohm Jung GmbH  trae orientamenti dalle linee guida "OECD Due Diligence Guidance for Responsible Supply Chains of Minerals from Conflict-Affected and High-Risk Areas“ per lo sviluppo dei relativi processi di due-diligence. In particolare, è prevista una due-diligence dei rischi presenti nella catena di fornitura dei minerali.

Con queste misure offriamo la migliore trasparenza possibile ai nostri clienti soggetti ai requisiti della U.S. Securities and Exchange Commission. 

Homepage
Global Group
it Change Language